scuola superiore
Dott.ssa Beatrice Farina

Dott.ssa Beatrice Farina

La scelta della scuola superiore [13 anni]

INDICE CONTENUTI

La scelta della scuola superiore può essere un momento faticoso e pieno di paure, soprattutto in un momento della vita complesso come l’adolescenza. È importante, quindi, ascoltare i propri desideri e le proprie aspirazioni, affidandosi anche ai genitori come punto di riferimento.

1. La scelta della scuola superiore a 13 anni

La scelta della scuola superiore, a 13 anni, può rivelarsi molto faticosa e può spaventare.

Ci sono molte paure che compaiono a questa età: la paura di fare la scelta sbagliata, la paura di non riuscire e la paura di fallire.

In questa fase, quindi, il fatto di avere dei dubbi non solo è del tutto fisiologico, ma, anzi, può rappresentare una risorsa, in quanto il dubbio dà anche la possibilità di farsi delle domande e di esplorare le diverse possibilità, per trovare la strada più adatta a sé.

2. Orientamento scolastico per la scelta della scuola superiore

Per poter fare una scelta consapevole, infatti, è necessario prima di tutto conoscere sé stessi, capire quello che piace, le proprie aspirazioni, interessi, passioni e capacità, sia in campo scolastico che extrascolastico e poi conoscere anche il mondo esterno e quello che offre, le opzioni presenti sul proprio territorio, e vedere se le due cose possono o non possono combaciare.

Tutto questo, però va fatto sempre con la consapevolezza che la scelta della scuola non è irreversibile, e si può cambiare nel momento in cui ci si rende conto che il percorso non è quello giusto per sé.

Da tali considerazioni emerge l’importanza di dedicare del tempo alla scelta, senza lasciarsi guidare da pregiudizi o stereotipi e ancora di più dalle aspettative altrui.

3. Genitori e scelta della scuola superiore

È importante, in questo senso, che i genitori non forzino la mano ai figli nel percorso di orientamento scolastico, ma siano di supporto nei loro confronti e li appoggino, aiutandoli a riflettere e a prendere una decisione consapevole.

In questa fase di transizione, infatti, per i giovani, riveste un ruolo centrale il supporto ricevuto dalle figure di riferimento.

La famiglia e la scuola ricoprono un ruolo centrale nei processi decisionali e costituiscono dei potenti strumenti d’orientamento scolastico per il ragazzo. Per gli adolescenti, i genitori ed i propri insegnanti forniscono dei pareri rilevanti che incidono sulle loro decisioni.

I figli dialogano sempre più con i propri genitori sui loro problemi di carriera e li ritengono influenti durante le transizioni educative e professionali, che possono anche rappresentare dei momenti molto difficili da affrontare.

Vuoi approfondire anche altri argomenti? Se vuoi, visita il nostro canale YouTube.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con chi ami 💙

Articolo realizzato da:
Dott.ssa Beatrice Farina
Psicologa dello sviluppo
4.5/5
Articoli correlati
Video correlati
Altri esperti che parlano di questi argomenti

Serena Lauria

Psicologa clinica e psicoterapeuta

Elisa Trezzi

Pedagogista e insegnante di massaggio infantile AIMI

Carol Pizzolante

Arteterapeuta

Samantha Dionisio

Pedagogista e formatrice

Giulia Binaghi

Psicologa clinica e psicoterapeuta dell'età evolutiva

Giada Maccan

Psicologa dello sviluppo

Cinzia Trigiani

Consulente della relazione di coppia e della famiglia

Crea il tuo profilo e ricevi i contenuti adatti alla tua famiglia

Raccontaci di te:

Raccontaci di tuo figlio o figlia:

Crea il tuo profilo e ricevi i contenuti adatti alla tua famiglia

Raccontaci di te:

Raccontaci di tuo figlio o figlia: