addormentare i bambini
Dott.ssa Paola Cannavo

Dott.ssa Paola Cannavo

Far addormentare i bambini: 9 consigli

INDICE CONTENUTI

Dormire bene è fondamentale per la crescita psico-fisica del bambino ed è importante anche per il benessere dei genitori. Il sonno rappresenta un momento fondamentale nella vita di un bambino, durante il quale il suo corpo e la sua mente possono rigenerarsi e consolidare gli apprendimenti del giorno. Come far addormentare i bambini? Ecco 9 consigli utitli.

Far addormentare i bambini: introduzione

Il passaggio dallo stato di veglia al sonno è un momento delicato, in cui il piccolo deve lasciarsi andare, affidandosi alla tranquillità e alla sicurezza dell’ambiente che lo circonda. Non a caso, gli psicologi spesso fanno riferimento al sonno come “una piccola morte”, poiché durante il sonno il bambino si trova in uno stato di abbandono, simile a quello che esperimenterà in futuro nel sonno profondo degli adulti.

Proprio per questo motivo, è di vitale importanza che il bambino si senta al sicuro, amato e protetto durante il suo momento di riposo. La qualità del sonno influisce direttamente sulla sua salute fisica e mentale, così come sul benessere emotivo dei genitori, che spesso devono gestire le sfide quotidiane legate alla cura del bambino.

Ecco alcuni accorgimenti che possono aiutare:

1. No a luce e rumori troppo forti

Luci e rumori troppo forti possono avere un impatto significativo sulla capacità del bambino di addormentarsi e di ottenere un sonno di qualità. La luce intensa, come quella proveniente da lampade o luci fluorescenti, può interferire con la produzione di melatonina, l’ormone responsabile della regolazione del ritmo sonno-veglia. Di conseguenza, l’eccessiva luminosità può ingannare il corpo del bambino facendogli credere che sia ancora giorno, rendendo più difficile il sonno e l’obiettivo di addormentare i bambini.

Allo stesso modo, i rumori forti o improvvisi possono disturbare il sonno del bambino, facendolo svegliare o mettendolo in uno stato di vigilanza. È importante creare un ambiente silenzioso e tranquillo nella stanza del bambino durante il momento della nanna, riducendo al minimo i rumori provenienti dall’esterno e favorendo così l’obiettivo di addormentare i bambini.

Inoltre, è fortemente consigliato evitare l’uso di schermi e televisione almeno un’ora prima del sonno. La luce blu emessa da questi dispositivi, come smartphone, tablet, televisori e computer, ha dimostrato di interferire con la produzione di melatonina e di influenzare negativamente il ritmo circadiano, creando ulteriori ostacoli nel processo di addormentare i bambini. L’esposizione a tali dispositivi prima di dormire può rendere più difficile il sonno e ridurre la qualità complessiva del riposo notturno dei bambini.

È preferibile creare una routine serale che preveda attività rilassanti e tranquille, come la lettura di un libro, ascoltare musica dolce o fare delle attività creative. Queste attività favoriscono il rilassamento e la transizione verso il sonno, preparando il bambino per una notte riposante e contribuendo all’obiettivo di addormentare i bambini.

2. Crea un ambiente rilassante per favorire il sonno

Creare un ambiente rilassante per il bambino durante il momento del sonno è fondamentale per favorire un riposo tranquillo e rigenerante. Le luci soffuse sono particolarmente importanti in quanto contribuiscono a creare un’atmosfera calma e rassicurante, aiutando così a addormentare i bambini. La luce intensa può essere stimolante per il sistema nervoso del bambino, rendendo più difficile il rilassamento e l’addormentamento. Utilizzare luci soffuse, come una lampada da comodino o una luce notturna a intensità regolabile, può aiutare a creare un’illuminazione delicata e rilassante nella stanza del bambino.

La musica dolce e le ninnananne sono altrettanto efficaci nel favorire il sonno tranquillo del bambino e nell’addormentarlo. La musica ha un potere calmante e può contribuire a creare un’atmosfera di relax. Puoi scegliere brani melodici e rilassanti, come canzoni per bambini o musica classica, da riprodurre dolcemente in sottofondo durante il momento della nanna, per addormentare i bambini. Questo tipo di musica può aiutare il bambino a distendersi, ad abbandonarsi al sonno e a rilassarsi più facilmente.

Le ninnananne, con le loro melodie ripetitive e rassicuranti, possono essere particolarmente efficaci nel calmare il bambino e prepararlo al sonno. Cantare una ninnananna o riprodurne una registrata può essere un momento speciale di connessione tra genitore e bambino, oltre a creare un’atmosfera tranquilla e rassicurante nella stanza, per addormentare i bambini. Il suono della voce del genitore, insieme alla melodia rassicurante della ninnananna, può aiutare il bambino a sentirsi amato e protetto, favorendo così il rilassamento e l’addormentamento.

3. Prova con i rumori bianchi

Per i più piccoli, l’utilizzo dei rumori bianchi può essere un valido strumento per favorire un sonno tranquillo e profondo. I rumori bianchi sono suoni costanti e uniformi che coprono altri rumori ambientali e possono aiutare a creare un ambiente sonoro rilassante per il bambino.

Uno dei rumori bianchi più comuni e utilizzati è il rumore del phon. Il suono costante e monotono prodotto dal phon, ad un volume basso, può risultare rassicurante per il bambino e contribuire a mascherare rumori esterni che potrebbero disturbare il sonno, come il rumore del traffico o dei vicini. Il suono del phon può creare una sorta di “rumore di fondo” che aiuta il bambino a rilassarsi e ad addormentarsi più facilmente.

L’utilizzo del phon come rumore bianco può essere particolarmente utile per i neonati e i bambini più piccoli, in quanto richiama le sensazioni uditive e rassicuranti che il bambino sperimentava nell’utero materno. Durante la gestazione, il bambino era immerso in un ambiente rumoroso, tra i suoni del battito cardiaco della madre, il flusso del liquido amniotico e altri rumori interni al corpo materno. L’utilizzo dei rumori bianchi, come il suono del phon, può contribuire a ricreare una sensazione familiare e sicura per il bambino, aiutandolo a rilassarsi e a trovare un sonno più profondo.

È importante regolare il volume del rumore bianco in modo che sia piacevole e non troppo forte per il bambino. Assicurati che il phon sia posizionato a una distanza sicura e che l’aria calda non colpisca direttamente il bambino per evitare il rischio di ustioni o surriscaldamento.

4. Ponetevi aspettative reali

Porsi aspettative realistiche riguardo al sonno del vostro bambino è un aspetto fondamentale per affrontare il periodo dei primi sei mesi di vita, in cui è normale che il bambino si svegli e chiami più volte durante la notte. Durante questo periodo, i neonati hanno bisogno di essere nutriti frequentemente e richiedono un’attenzione costante da parte dei genitori.

È importante comprendere che i ritmi del sonno dei neonati sono diversi da quelli degli adulti. Mentre gli adulti seguono un ciclo di sonno-veglia regolare, i neonati hanno cicli più brevi e si svegliano spesso durante la notte. Questo è dovuto al fatto che i neonati hanno uno stomaco piccolo e digeriscono il cibo più velocemente, il che significa che hanno bisogno di essere nutriti più frequentemente. Inoltre, il sonno dei neonati è caratterizzato da fasi di sonno leggero e fasi di sonno profondo che si alternano.

È normale che i genitori si sveglino frequentemente durante la notte per rispondere alle esigenze del loro bambino, come l’allattamento o il cambio del pannolino. Accettare che il sonno sarà frammentato durante i primi mesi di vita del bambino può aiutare a ridurre la frustrazione e lo stress associati a questa fase.

5. Tenete sotto controllo la temperatura dell’ambiente

La temperatura dell’ambiente in cui il bambino dorme può influenzare significativamente la qualità del sonno. È importante creare un ambiente con una temperatura adeguata per favorire un riposo ottimale e addormentare i bambini.

La temperatura ideale della camera del bambino dovrebbe essere compresa tra i 18 e i 20 gradi Celsius. Questa gamma di temperatura, che può aiutare ad addormentare i bambini, è considerata confortevole e può favorire il rilassamento e il sonno profondo. Tuttavia, è importante considerare anche le preferenze individuali del bambino. Alcuni bambini potrebbero preferire una temperatura leggermente più alta o più bassa, quindi è importante monitorare le reazioni del bambino e regolare la temperatura di conseguenza.

Ventilare la stanza poco prima di andare a dormire è un’altra pratica benefica per favorire il riposo del bambino e aiutare ad addormentare i bambini. Una buona ventilazione aiuta ad ossigenare l’aria e a mantenerla fresca e pulita, contribuendo a creare un ambiente confortevole per il sonno. Ciò può anche evitare l’accumulo di umidità e odori sgradevoli, favorendo così il sonno dei bambini.

6. Chiacchiera con il tuo bambino

Prima della nanna, dedicare del tempo per chiacchierare con il proprio bambino può essere un momento prezioso per stabilire un legame emotivo e favorire il suo rilassamento prima di addormentarsi. La comunicazione verbale e l’interazione con il bambino non solo aiutano a stabilire un senso di connessione e sicurezza, ma possono anche contribuire a creare un’atmosfera calma e rassicurante che favorisce il sonno.

La chiacchierata prima della nanna può essere informale e piacevole, un momento in cui puoi raccontare al tuo bambino cosa avete fatto durante la giornata, descrivere ciò che vedete intorno a voi o semplicemente cantare una ninnananna o recitare una filastrocca. Puoi coinvolgere il bambino facendo domande semplici o lasciandolo esprimere i suoi pensieri e sentimenti, anche se ancora non è in grado di parlare fluentemente.

Questo momento di conversazione intima può aiutare il bambino a sentirsi amato, ascoltato e compreso. La tua voce, il tuo tono calmo e affettuoso, possono contribuire a rilassare il bambino e a creare un’atmosfera tranquilla e accogliente per il sonno. La chiacchierata può anche essere un’opportunità per incoraggiare il bambino a esprimere le sue emozioni e a condividere eventuali preoccupazioni o paure che potrebbero influire sul suo sonno.

7. Individuare il momento giusto per far addormentare i bambini

Individuare il momento giusto per far addormentare il proprio bambino è un aspetto fondamentale per garantire un buon riposo. Ogni bambino ha un ritmo sonno-veglia individuale e osservare i segnali anticipatori del sonno può aiutarti a identificare il momento in cui il tuo bambino è più propenso a addormentarsi facilmente.

Durante il giorno, osserva attentamente il comportamento del tuo bambino per individuare eventuali segnali che indicano stanchezza. Questi segnali possono includere sbadigli, occhi arrossati o sfregamenti degli occhi, perdita di interesse per l’ambiente circostante, movimenti rallentati o agitazione e irritabilità. Ogni bambino può manifestare segnali leggermente diversi, quindi è importante osservare attentamente il tuo bambino e capire quali segnali sono specifici per lui.

Una volta individuati i segnali anticipatori del sonno, cerca di mettere il bambino a dormire quando è più tranquillo e rilassato. Se il bambino è troppo stanco, potrebbe faticare ad addormentarsi e diventare irrequieto. Al contrario, se si aspetta troppo a lungo per mettere il bambino a dormire, potrebbe diventare eccessivamente stanco e irascibile, rendendo il processo di addormentamento più difficile.

Creare una routine regolare per il sonno può essere utile per stabilire un ritmo sonno-veglia più prevedibile per il bambino. Una routine coerente prima di dormire, come un bagno caldo, una nanna o una storia, può aiutare il bambino a prepararsi mentalmente per il sonno e a rilassarsi. Seguire sempre la stessa sequenza di attività prima di dormire può fornire al bambino un senso di sicurezza e aiutarlo a riconoscere che è arrivato il momento di andare a letto.

8. La routine

I bambini amano la stabilità e le routine, poiché forniscono un senso di sicurezza, prevedibilità e comfort. Creare un rituale di accompagnamento alla nanna può essere estremamente benefico per il tuo bambino, poiché gli permette di prepararsi mentalmente e fisicamente per il sonno, rendendo il momento dell’addormentamento più sereno e rilassato.

Inizia il rituale della nanna con attività rilassanti che favoriscano una transizione graduale verso il sonno. Ad esempio, un bagnetto caldo può aiutare il tuo bambino a rilassarsi e a sentirsi più sonnolento. L’acqua calda e la sensazione di immersione possono avere un effetto calmante sul corpo e sulla mente del bambino. Assicurati che la temperatura dell’acqua sia confortevole e controlla sempre il bambino da vicino durante il bagno.

Dopo il bagnetto, segui una sequenza coerente di azioni che indicano al bambino che è arrivato il momento di andare a letto. Puoi cambiare il pannolino e mettere il pigiama, creando un’atmosfera rilassante e confortevole per il sonno. Questo momento può essere un’opportunità per interagire con il tuo bambino, fornendo un contatto fisico amorevole e accogliente.

Durante il rituale della nanna, puoi anche prenderti il tempo per salutare le diverse stanze della casa insieme al tuo bambino. Questa pratica simbolica può aiutare il bambino a capire che la giornata sta finendo e che è il momento di andare a dormire. Puoi sussurrare buonanotte a ogni stanza, ad esempio dicendo “Buonanotte cucina, buonanotte soggiorno, buonanotte camera da letto” mentre ti sposti da una stanza all’altra. Questo gesto semplice può creare un senso di chiusura e conclusione per il bambino, preparandolo per il sonno.

9. Non lasciare piangere il bambino

Cosa più importante di tutte: non lasciate mai piangere un bambino in camera da solo. Anche se alla fine si addormenterà ciò che avrà imparato è che non può contare sulle sue figure di riferimento per soddisfare quello che è semplicemente un bisogno primario di contatto corporeo.

Questo porta a forte stress e ansia, causando problemi di regolazione emotiva a lungo termine. Paradossalmente sperimentando la dipendenza potrà fare meno fatica nelle successive transizioni (ad esempio il passaggio al lettino), perché avrà potuto costruire dentro di sé un senso di sicurezza e diventerà quindi più autonomo. gli studi promuovono il co-sleeping come un metodo sicuro e positivo per la crescita del bambino.

Si tratta della pratica di dormire insieme, nel letto dei genitori o in un lettino messo accanto a loro. Questa abitudine può prolungarsi fino ai 3 anni, poi solitamente è il bambino stesso a manifestare il desiderio di andare a dormire nella sua cameretta.

Ricorda che ogni bambino è unico e le esigenze possono variare. È sempre consigliabile discutere con il pediatra o altri professionisti competenti per ottenere ulteriori informazioni e consigli specifici per il tuo bambino.

Vuoi prenotare una consulenza? Mi trovi su Parentube!

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con chi ami 💙

Articolo realizzato da:
Dott.ssa Paola Cannavo
Psicoterapeuta e pedagogista clinica
5/5
Articoli correlati
Video correlati
Altri esperti che parlano di questi argomenti

Paola Cannavò

Psicoterapeuta e pedagogista clinica

Serena Lauria

Psicologa clinica e psicoterapeuta

Costanza Fogazzaro

Psicologa clinica e docente

Giada Maccan

Psicologa dello sviluppo

Crea gratis il tuo profilo e ricevi i contenuti adatti alla tua famiglia

Crea gratis il tuo profilo e ricevi i contenuti adatti alla tua famiglia