scoliosi
Dott. Vittorio Vezzetti

Dott. Vittorio Vezzetti

La scoliosi in adolescenza

INDICE CONTENUTI

La scoliosi è una deformità evolutiva della colonna vertebrale che appare all’età dell’adolescenza e progredisce fino alla fine dell’accrescimento

Indice

1. Scoliosi: definizione

La scoliosi è una deformità evolutiva della colonna vertebrale che appare all’età dell’adolescenza e progredisce fino alla fine dell’accrescimento (1618 anni per le femmine; 1820 per i maschi).

Molto spesso si abusa di questo termine attribuendolo a situazioni non evolutive in cui la deviazione vertebrale resta costante nel tempo e che andrebbero definite ATTEGGIAMENTO SCOLIOTICO.

Inoltre l‘atteggiamento scoliotico non presenta alcun gibbo costale o lombare alla vista clinica, né rotazione vertebrale ad un attento esame delle radiografie.

2. Cause della scoliosi

La vera scoliosi, invece, è decisamente e rapidamente  e peggiorativa, contempla una rotazione vertebrale e un evidente gibbo.

Vi è una forte componente genetica ed è assai più frequente nel sesso femminile ( 4 a 1)  con una frequenza compresa fra 0.4 e 1.9 per cento.

Il trattamento della scoliosi compresa tra 10° e 20° consiste nell’osservazione attenta (clinica e radiografica) e nella istituzione di un programma di esercizi di ginnastica e/o nella pratica di un’attività sportiva.

Molti casi non necessitano di altro che di questo ed arrivano alla maturità scheletrica senza variazioni angolari sostanziali dall’epoca della prima osservazione.

3. Trattamenti per la scoliosi

I casi che mostrano una evoluzione oltre i 20° e sotto i 35°-40°, in epoca pre-puberale, necessitano di un trattamento con busti (corsetti) ortopedici.

I casi che continuano a progredire nel peggioramento, anche utilizzando un corsetto correttivo, o che sono rigidi ai test di deflessione sin dall’inizio, rispondono ad un preventivo trattamento con gessi correttivi che ottengono una correzione progressiva, che viene poi mantenuta con un corsetto chiamato Lionese prototipo di tutti i corsetti che agiscono passivamente, mediante spinte statiche, che riproducono l’azione del gesso.

I risultati estetici sono eccellenti, così come l’arresto del peggioramento angolare.

Oltre i valori angolari di 40 – 45 gradi sia all’inizio del trattamento sia in caso di insuccesso del trattamento con gessi e corsetti, è indicato ricorrere al trattamento chirurgico della deformità, che consiste modernamente nella correzione della curva mediante l’utilizzazione di barre metalliche, uncini o viti inserite nelle vertebre.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con chi ami 💙

Articolo realizzato da:
Dott. Vittorio Vezzetti
Medico pediatra
4.5/5
Video correlati
Altri esperti che parlano di questi argomenti

Paola Cannavò

Psicoterapeuta e pedagogista clinica

Serena Lauria

Psicologa clinica e psicoterapeuta

Giuditta Mastrototaro

Pedagogista

Beatrice Farina

Psicologa dello sviluppo

Mariagiulia Pistone

Psicologa clinica

Elisa Trezzi

Pedagogista e insegnante di massaggio infantile AIMI

Carol Pizzolante

Psicologa clinica e arteterapeuta

Samantha Dionisio

Pedagogista e formatrice

Luigi Cirelli

Media educator

Laura Savignano

Educatrice d'infanzia e consulente pedagogica

Giulia Binaghi

Psicologa clinica e psicoterapeuta dell'età evolutiva

Giada Maccan

Psicologa dello sviluppo

Cinzia Trigiani

Consulente della relazione di coppia e della famiglia

Viviana Cadari

Psicologa a orientamento strategico breve

Crea gratis il tuo profilo e ricevi i contenuti adatti alla tua famiglia

Crea gratis il tuo profilo e ricevi i contenuti adatti alla tua famiglia