coliche
Stefano Cherchi

Stefano Cherchi

Coliche gassose in neonati e bambini: consigli utili

Coliche gassose: cosa sono, sintomi, cause, come l’osteopatia può essere d’aiuto, consigli (calore, come anticipare la colica, massaggio addominale preventivo).

Indice

1. Coliche gassose: cosa sono e come vengono diagnosticate

Ciao benvenuto! In questo articolo spiegherò che cosa sono le coliche gassose del neonato, da che cosa sono causate e insegnerò anche qualche buona pratica per poterle gestire al meglio.

Le coliche gassose sono una delle manifestazioni dolorose più comuni nel paziente pediatrico e una dei motivi di consulto principali del medico pediatria, che ne fa diagnosi solitamente basandosi su:

  • l’età del bambino, infatti è una condizione che tende a comparire intorno alla sesta settimana di vita e a scomparire spontaneamente intorno al quarto, quinto, sesto mese di vita;

  • viene utilizzata la cosiddetta “regola del 3”: 3 ore di pianto al giorno per più di 3 giorni alla settimana per più di 3 settimane;

  • di solito la colica gassosa tende a presentarsi tra i 30 e 90 minuti dopo il pranzo.

2. Le cause delle coliche gassose

Quali sono le cause?

Ad oggi non è ancora stata individuata un’unica causa, ma ci sono diverse ipotesi molto avvalorate, ad esempio l’immaturità dell’apparato digerente e del sistema nervoso del neonato che può risultare ancora immaturo nei primi mesi di vita. Altre cause possono essere individuate in un allattamento poco nutriente per il neonato o eventuali intolleranze al lattosio. In ogni caso, la diagnosi deve essere sempre eseguita dal pediatra.

3. Coliche gassose: come può aiutarti l’osteopata?

Successivamente alla diagnosi effettuata dal pediatra, potrai tranquillamente portare il tuo bambino dall’osteopata per una valutazione e il trattamento.

In osteopatia viene data grande importanza al nervo vago, ovvero il nervo principale della digestione, che può irritarsi ad esempio in seguito ad un parto non facile.

Il nervo vago fuoriesce dal cranio a livello della parte più alta della cervicale e proprio questa sarà una delle zone che l’osteopata andrà a controllare ed eventualmente trattare sul tuo bambino. L’osteopatia utilizza tecniche dolci ma efficaci e l’osteopata non si limiterà a trattare l’addome del tuo piccolo, ma cercherà di ridargli il massimo equilibrio possibile, quindi sicuramente verrà messa mano alla zona cervicale, alla zona dorso-lombare per le connessioni nervose con i visceri, oltre ad una valutazione della simmetria nei movimenti e quelle che possono essere le tensioni createsi in un parto difficile o per diversi altri motivi.

Ora voglio darti dei consigli per gestire al meglio la problematica di colica gassosa che è dolorosa per tuo figlio, ma è anche molto provante per te. Innanzitutto puoi applicare il calore sull’addome del tuo bambino, questo aiuta a rilassare i muscoli contratti a causa della condizione dolorosa. Un’altra cosa che puoi fare è cercare di anticipare l’ora “x” della colica portando il tuo bambino in fasce, cercando di tranquillizzarlo e se riesci anche a farlo addormentare.

4. Il massaggio addominale

Adesso vedremo insieme il massaggio addominale. Chiaramente non deve essere eseguito durante l’episodio di colica, ma prima del pasto in ottica preventiva.

Qualche accortezza prima di iniziare il massaggio: evita di indossare anelli o braccialetti perché potrebbero dare fastidio al tuo bambino, temperatura calda delle mani per un maggior comfort nel massaggio. È inoltre possibile utilizzare un olio naturale per scivolare meglio sull’addome.

Possiamo partire… posiziona tuo figlio a pancia in su, mantenendo un buon contatto visivo per tranquillizzarlo. La prima cosa che puoi eseguire è il massaggio a ruota: delicatamente vai a passare le tue mani in questo modo sull’addome una decina di volte, dopo di che puoi flettere una decina di volte le gambine portando le ginocchia verso l’addome. Una volta eseguito questo massaggio puoi proseguire andando a massaggiare il pancino seguendo l’andamento del colon, sempre in maniera delicata per una decina di volte.

Puoi ripetere queste tre pratiche che ti ho mostrato 2 o 3 volte, per 3 volte al giorno, lontano dai pasti.

Ti ringrazio per avermi ascoltato e ci vediamo nel prossimo video, a presto!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con chi ami

Potrebbe interessarti anche: